• Italiano

Svezia e Italia

Covid-19 - Regole e restrizioni per l’ingresso in Svezia dall’estero.

Obbligo per i cittadini stranieri di esibire all'ingresso in Svezia un certificato di test covid negativo.

A partire da sabato 6 febbraio 2021 e fino al 31 maggio 2021, è stato introdotto l'obbligo per i cittadini stranieri di esibire all'ingresso in Svezia un certificato di test covid negativo, effettuato entro le 48 ore antecedenti all'ingresso. Il certificato deve essere in lingua inglese (in alternativa svedese, danese o norvegese), deve comprendere informazioni in merito del tipo di test (PCR, LAMP o antigenico), dell'esito, della data ed orario del test e delle informazioni personali.

Sono esenti dall'obbligo del test:

  • persone minorenni;
  • persone con la cittadinanza svedese;
  • persone che possono provare la residenza anagrafica in Svezia.

Sul sito della Polizia svedese, è disponibile un elenco completo di chi è esentato all’obbligo di presentare un test negativo Covid per entrare in Svezia.

Si consiglia tutte le persone, anche esentate dall’obbligo di dover esibire un test-Covid negativo all’ingresso in Svezia, di contattare la compagnia aerea e autorità locali in un eventuale paese di transito in quanto potrebbero avere delle proprie restrizioni.  

Raccomandazioni di isolamento fiduciario e successivo tampone dopo l'arrivo in Svezia dall'estero.
In diversi paesi sono emerse nuove varianti del virus che causa una rapida diffusione. Per questo il Ministero della salute Pubblica in Svezia, raccomanda che adulti e bambini (nati prima del 2015) osservino un periodo di sette giorni di isolamento fiduciario all’arrivo in Svezia, con ulteriore tampone di controllo non prima di cinque giorni dopo l’arrivo.

Le raccomandazioni sono valide indipendentemente da:

  • paesi visitati prima dell’ingresso in Svezia;
  • dal test negativo effettuato antecedentemente all'ingresso in Svezia;
  • se si ha già avuto un’infezione da Covid-19 in precedenza.  

Per le persone esenti dall’obbligo di esibire un certificato di test-Covid negativo all'ingresso in Svezia, è consigliato di effettuare un tampone appena entrati nel territorio svedese, per poi seguire le raccomandazioni sopraindicate sia in merito all'autoisolamento che all’ulteriore test dopo almeno cinque giorni.

Le raccomandazioni sono consultabili sul sito del Ministero della saluta Pubblica svedese.

Divieto di ingresso in Svezia.
È in vigore il divieto di ingresso in Svezia per gli stranieri provenienti da un paese al di fuori della zona EES*, Andorra, Monaco, San Marino, Svizzera e Vaticano, ad eccezione di alcuni casi tra i quali residenti o persone con la cittadinanza in uno degli stati sopra menzionati.

Sul sito della Polizia svedese è possibile consultare l’elenco completo delle eccezioni. Per gli esenti dal divieto d’ingresso in Svezia, rimane l’obbligo di esibire all'arrivo il certificato di test-Covid negativo (PCR, LAMP o antigenico).

Ulteriori informazioni in merito alle limitazioni all’ingresso in Svezia dall’estero sono disponibili sul sito del Governo svedese.

Sul sito della Farnesina, Viaggare Sicuri, sono disponibili informazioni in lingua italiana sia per viaggi per la Svezia sia per il rientro in Italia.

Scalo in un altro paese, diverso dalla Svezia.
L’emergenza sanitaria è in continua evoluzione ed ogni paese modifica le proprie regole e restrizioni in base alla situazione in atto. Per questo motivo, l’Ambasciata invita le persone che fanno scalo in un altro paese, diverso dalla Svezia, di informarsi tramite il sito della Farnesina Viaggare Sicuri in merito alle restrizioni in vigore. In alternativa si possono chiedere informazioni alla compagnia aerea o alle autorità locali del paese in cui viene fatto lo scalo.

Per evitare la diffusione del Covid-19, le persone che entrano in Svezia sono pregati di seguire le raccomandazioni dell’Agenzia per la Salute Pubblica in Svezia.

Per quanto riguarda le restrizioni in vigore per il rientro in Italia dall’estero è possibile consultare il sito del Ministero Degli Affari Esteri dove è disponibile uno questionario informativo. Sulla stessa pagina è possibile scaricare il modulo di autodichiarazione prevista per il rientro in Italia dall'estero.

EES *

I paesi EES includono: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Svezia.